22 novembre 2020 - 18:51

FIBONACCI DAY

Oggi, 23 novembre, si celebra il Fibonacci Day. 

1-1-2-3: nei Paesi anglosassoni la data odierna è designata da questa sequenza di cifre, che coincidono anche con quattro dei primi cinque numeri della rinomata sequenza di Fibonacci (manca lo zero iniziale). 

Ecco dunque perché il 23 novembre si commemora uno dei matematici italiani più influenti: Leonardo da Pisa, più noto come Fibonacci. E anche se a lui si deve l’introduzione in Europa nel 1202 della numerazione indo-arabica e la diffusione del sistema decimale (Liber abaci), Fibonacci è conosciuto soprattutto per  la sequenza che da lui prende il nome. 

Ma di cosa si tratta? 

Semplicemente di una serie numerica nella quale ogni numero è somma dei due numeri precedenti: 

0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89....

Più si procede e più il rapporto tra due numeri consecutivi si  avvicina a 1,61803, cioè al rapporto aureo.

La serie numerica di Fibonacci non è tuttavia solo un dilemma matematico, nato fra l’altro da una semplice domanda sull’incremento della popolazione di conigli in un campo. Infatti successivamente si è scoperto che questi speciali numeri, e il loro rapporto, sono diffusi ovunque in natura, dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande: nel DNA, nel numero dei petali dei fiori, nella disposizione dei semi del girasole, nelle sequenze circolari delle pigne, nei grappoli di aghi di conifere, nelle spirali degli uragani e in quelle delle galassie, ma la lista sarebbe lunga…

 

Se vuoi saperne di più, guarda questo video (in inglese) 

Proff. Passerini ed Aresi L.

Parole chiave