11 marzo 2016 - 16:33

Tempo di lettura:

Pubblicato più di un anno fa

Si svolgerà a Messina, e in contemporanea in tanti luoghi d'Italia, la ventunesima Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera.

L'associazione "Amici di Libera" di Caravaggio organizza dal 12 al 20 marzo una serie di iniziative dal titolo "Rispettare la diversità, riconoscerne il valore" in collaborazione con i comuni di Caravaggio, Fornovo San Giovanni, Misano Gera d'Adda e Mozzanica, con il sostegno economico della Banca di Credito cooperativo di Caravaggio.

Sabato 12 marzo alle 20,45 all'oratorio di San Lorenzo di Misano lo spettacolo/lettura "Le ribelli contro la mafia", ideato e recitato dalle Donne della Banca del tempo di Melegnano. Saranno ricordate figure di donne che si sono impegnate fino a sacrificare le loro vite o che si impegnano contro le mafie, come quelle di Rita Atria, Rosaria Capacchione, Lea Garofalo, Maria Carmela Lanzetta, Carmela Iuculano, Rosaria Costa, Elisabetta Tripodi, Felicia Impastato, Renata Fonte.

Mercoledì 16 marzo alle 21,00 nell'auditorium della Banca di Credito cooperativo di Caravaggio si terrà la conferenza del professor Fabio Celsi dal titolo "La Costituzione salvaguarda le diversità".

Giovedì 17 marzo alle 21,00 al teatro San Carlo di Caravaggio si terrà la serata della memoria e dell'impegno di "Amici di Libera": saranno letti i nomi delle vittime innocenti delle mafie. Alla amnifestazione parteciperanno anche gli studenti delle classi 5aH e 5aF del liceo Galilei. I giovani del Corpo bandistico di Caravaggio eseguiranno intermezzi musicali. Per testimoniare l'adesione all'iniziativa sarà gradito che i partecipanti portino qualcosa di giallo, come la forsizia, simbolo della serata.

Sabato 19 marzo alle 15,00, sempre al teatro San Carlo, sarà il momento delle testimonianze di memoria e di impegno delle scuole primarie e secondarie di primo grado del territorio.

Lunedì 21 marzo nell'aula magna del Liceo Galilei le classi quarte assisteranno alla proiezione del film di Marco Tullio Giordana "Lea, la storia di Lea Garofalo", prodotto dalla Rai, che racconta la storia della donna uccisa dalla 'ndrangheta a Monza nel 2009.